Tempo e spazio

L’arte è linguaggio che accade.
Forma che accade.

Nell’agire artistico si lascia che il linguaggio di ciò che ancora non ha forma trovi i suoi codici: si creano simultaneamente linguaggio e contenuto, lasciando accadere ciò che, in quell’istante, sta sorgendo.

Perché questo avvenga c’è bisogno di tempo e spazio.

Tempo e spazio esenti da giudizi basati su di un dover essere che trova le sue giustificazioni nel passato.

Competenze, ricordi, abilità devono essere messi a disposizione del presente, che accade attraversando sensazioni, idee, emozioni, gesti.

Perchè si creino il tempo e lo spazio presenti, perché si dilatino, donandoci il desiderio, il coraggio e la perseveranza necessari ad acquisire strumenti e conoscenze, dovremo avere fiducia nella forza appassionata e gentile dell’amore verso la realtà, della curiosità, dell’interesse verso ciò che, affascinante, intesse il reale.